L’ARENA, UNA PIAZZA COPERTA POLIFUNZIONALE 

 
L’incontro generazionale in Chorus Life si realizzerà anche attraverso gli spazi indoor.
 
Per questo, dalla grande piazza si potrà ammirare l’ARENA che permetterà a Chorus Life di organizzare manifestazioni ed eventi a ciclo continuo, anche quando il clima non sarà dei più ottimali. 
“Più che a un palazzetto, l’idea prende spunto dalle basiliche dell’Antica Roma, che si trovavano nei pressi del foro e la cui funzione era quella di ospitare anche al coperto tutte quelle attività che si svolgevano normalmente anche all’aperto nel foro” dichiara l’Arch. Joseph di Pasquale, progettista Chorus Life.
L’Arena sarà quindi in grado di ospitare anche tutti quegli eventi che normalmente si svolgono in un’arena tradizionale aperta.
Proprio per questo motivo, è posta al centro del complesso e ne costituisce il cuore pulsante e un costante punto di riferimento visivo. 
 
Le sue dimensioni e la sua totale reversibilità le consentono di essere omologata per ospitare una gamma molto ampia di eventi sportivi (per i quali sono previsti 5.000 posti a sedere), ma anche e soprattutto di essere facilmente riconfigurabile per adattarsi alle richieste di tutti i suoi possibili fruitori.
Si tratta infatti di uno spazio fortemente automatizzato, con tribune in grado di scomparire ritraendosi in modo rapido e veloce per offrire spazi e comfort in base alle diverse occasioni.
Si potranno ad esempio organizzare convention, esposizioni, produzioni e spettacoli artistico-culturali e anche naturalmente concerti, ampliando la capienza fino ad un massimo di 6.000 posti. 
 
“L’acustica è stato un elemento importante” aggiunge l’Arch. Joseph di Pasquale, progettista Chorus Life “non solo per garantire il necessario comfort uditivo interno, ma anche per fare in modo che qualsiasi attività non avesse alcun tipo di impatto acustico sul contesto. Teniamo conto che si tratta di una struttura completamente inserita nel centro abitato”.
 
Anche il linguaggio architettonico è stato fortemente influenzato dalla natura insolitamente urbana per una struttura di questo tipo.
Sulle piazze interne la facciata si presenterà ondulata, capace di seguire le forme della piazza, mentre sul lato della strada ci sarà “un taglio” sul quale saranno richiamate le funzioni della struttura, che non apparirà come il solito ufo atterrato in un campo, come di solito accade per questa tipologia, ma come un edificio che contribuisce a definire l’immagine costruita della città.
 
Sempre sull’integrazione è stata posta grande attenzione alla viabilità, che ha consentito di risolvere tutti gli accessi tecnici e funzionali alla struttura integrandoli perfettamente con il sistema viabilistico che, nel suo complesso, ha conseguito un importante livello di miglioramento generale. 
Chorus Life si è infatti posto come obiettivo non quello di strutturare necessità indotte dall’insediamento delle proprie funzioni, bensì quello di dare un contributo importante alla razionalizzazione della viabilità dell’intero quadrante nord-est di Bergamo. 
 
 
 
SCOPRI DI PIÙ